Main container

Nuove molecole per la rigenerazione tissutale ossea

Fase brevettuale
ITALIA
Titolarità

50% Istituto Ortopedico Rizzoli; 50% Università degli Studi di Pisa

Contatti

Descrizione

L’invenzione ha per oggetto nuovi composti per il trattamento dell’osteoporosi e in generale delle patologie ossee caratterizzate da una progressiva perdita di massa ossea, ad esempio artrite reumatoide, iperparatiroidismo, metastasi tumorali ossee.

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE

Si invitano le imprese a manifestare il proprio interesse per le attività di sviluppo e valorizzazione commerciale dell’invenzione in oggetto.
L’invito è rivolto a imprese private interessate ad acquisire a titolo oneroso un diritto di utilizzo mediante licenza esclusiva/non esclusiva dei diritti patrimoniali sull'invenzione in oggetto, nonché licenza non esclusiva per l’utilizzo delle informazioni riservate attinenti alle specifiche di processo produttivo.
Non sono da considerarsi destinatari del presente invito le organizzazioni di intermediazione e brokeraggio nel campo del trasferimento di tecnologie o organizzazioni affini.

Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire, tramite la compilazione e l'invio del modulo in allegato (allegato A), entro e non oltre le ore 12.00 del 12 febbraio 2018 nelle seguenti modalità:
- Raccomandata A/R in plico sigillato a: Istituto Ortopedico Rizzoli - SC Amministrazione della Ricerca, via di Barbiano n. 1/10, 40136 Bologna (BO).
- PEC all’indirizzo: ufficio.ricerca@pec.ior.it

Per qualsiasi informazione scrivere a: ufficioricerca@ior.it

Inventori

Ti potrebbe interessare anche

Brevetto
Osso Demineralizzato, suoi usi e procedimento per il suo ottenimento
Un nuovo metodo per produrre Matrice Ossea Demineralizzata (DBM) da osso ovino, innesto utilizzato per indurre la rigenerazione ossea, con qualità potenzialmente superiori a quelle oggi disponibili, sia perché la nuova procedura permette una rimozione praticamente integrale della componente minerale, sia perché i tempi di suddetta rimozione sono molto brevi, dunque poco dannosi nei confronti della componente biologicamente attiva dell’osso trattato. Inoltre si è dimostrato che l’adesione delle cellule mesenchimali staminali alle particelle di DBM dipende dalle dimensioni di quest’ultime e, sulla base di questo dato, è stata individuata la dimensione ottimale delle particelle e definita la tecnica più opportuna per isolarle sulla base della loro granulometria.
Leggi tutto
Brevetto
Metodica per diagnosticare un aumentato riassorbimento osseo locale e/o sistemico
L’invenzione riguarda un metodo in vitro per determinare una patologia associata ad un aumentato riassorbimento osseo locale e/o sistemico, preferibilmente detta patologia essendo scelta nel gruppo consistente in: osteoporosi, osteopenia e osteolisi. Inoltre, il metodo della presente invenzione consente di prevenire e/o di limitare le complicanze associate a dette condizioni patologiche, in particolare le fratture patologiche.
Leggi tutto
Brevetto
Frammento anticorporale della regione variabile a singola catena (scFv) in grado di riconoscere e legare la proteina umana CD99
L'invenzione fa riferimento ad un anticorpo monoclonale umano in forma di singole catene frammentate variabili (scFv) che riconosce un epitopo extracellulare del CD99 espresso in cellule di sarcoma di Ewing. L'anticorpo riconosce in modo selettivo le cellule di questo tumore e può essere usato per la diagnosi differenziale e per lo sviluppo di tecniche di imaging diagnostico. Grazie alle sue piccole dimensioni, l'anticorpo mostra sufficiente penetrabilità tissutale e può dare una rapida clearance plasmatica. Inoltre presenta caratteristiche idonee per un suo ulteriore sviluppo a fini terapeutici in quanto l'attivazione della molecola CD99 può indurre rapida apoptosi delle cellule di Ewing. L'invenzione è il risultato di una stretta collaborazione fra lo IOR e l'ISS.
Leggi tutto
Contenuto aggiornato il
11/01/2018 17:01