Main container

Clinica Ortopedica e Traumatologica III a prevalente indirizzo Oncologico

Presentazione

La struttura complessa Clinica Ortopedica e Traumatologica III a prevalente indirizzo Oncologico è inserita all’interno del Centro per la Cura dei Sarcomi dell’Apparato Muscoloscheletrico (CESAM) dell’Istituto Ortopedico Rizzoli ed è pertanto hub di riferimento regionale per la cura dei sarcomi dell’osso e delle parti molli. Fa parte inoltre della rete europea dei tumori rari Euracan network. La struttura comprende:

  • reparto di degenza;
  • letti associati per la chirurgia toracica finalizzata alla cura dei sarcomi;
  • day hospital medico e chirurgico;
  • ambulatorio medico per visite specialistiche di:
    • Ortopedia Oncologica
    • Ortopedia Oncologica Pediatrica
    • Infezioni in ambito Ortopedico-Oncologico

Il reparto dispone di 30 posti letto, organizzati in camere con 2 posti letto ciascuna, connessione wi-fi e Smart TV. Tutte le camere sono dotate di bagno. È garantita la presenza del medico in reparto tutti i giorni feriali dalle ore 8,00 alle ore 19,30, mentre personale infermieristico e personale di supporto è presente h 24. Il  modello  organizzativo  si basa sulla centralità del paziente e tende all’umanizzazione delle cure.

L'équipe medica della Clinica III. Al centro il direttore Prof. Davide Maria Donati

Attività clinica

Nella Clinica III vengono trattati, prevalentemente, pazienti affetti da tumori dell'apparato muscolo-scheletrico, sia dell'osso sia delle parti molli. In particolare l'attività della Clinica III è volta alla diagnosi ed al trattamento di:

Tipologia dei tumori dell'apparato muscoloscheletrico

Nella maggior parte dei casi si tratta di tumori primitivi, sia dell'età pediatrica sia della dell'età adulta, che comportano complesse tecniche ricostruttive: protesi da resezione, protesi di bacino su misura (custom-made 3D printing prosthesis), protesi allungabili per pazienti pediatrici, innesti ossei omoplastici, innesti di perone vascolarizzato con il coinvolgimento di altre discipline chirurgiche quali chirurgia plastica.

Presso la Clinica Ortopedica III si eseguono anche trattamenti mini-invasivi per il trattamento di tumori dell'apparato muscolo-scheletrico, incluse le metastasi ossee: elettrochemioterapia, crioterapia, termoablazione, embolizzazione, trattamento con ultrasuoni focalizzati (focused ultrasound surgery, FUS),  in collaborazione con la Radiologia Diagnostica e Interventistica.

Vengono anche trattati pazienti con fallimento di protesi articolari dell'anca e del ginocchio. Pazienti portatori di postumi di traumi sportivi e della strada con gravi esiti invalidanti, ritardo di consolidazione delle fratture e necrosi ossee. Infine, vengono trattati pazienti con paraplegia e portatori di ossificazioni eterotopiche delle anche ai quali viene proposto l'asportazione chirurgica delle ossificazioni per un recupero della motilità articolare.

Particolare attenzione viene riservata ai pazienti più piccoli. In questo caso il ricovero viene effettuato in un ambiente adatto ad accogliere sia i pazienti pediatrici sia gli accompagnatori.
Percorso diagnostico-terapeutico per i pazienti pediatrici affetti da tumori dell’apparato muscolo-scheletrico: è stato avviato un ambulatorio dedicato ai pazienti pediatrici trattati per neoplasie dell’apparato muscolo-scheletrico.

All’interno della Struttura Complessa Clinica Ortopedica III e dipendente da essa è attiva la struttura semplice di Chirugia generale e toracica muscolo-scheletrica che svolge sia attività chirurgica (trattamento delle metastasi polmonari da sarcomi dell’osso e delle parti molli, chirurgia dei tumori primitivi della parete toracica e addominale) sia attività ambulatoriale.

La Clinica III lavora  in stretta collaborazione con la struttura complessa di Osteoncologia, Sarcomi dell’ osso e dei tessuti molli, e Terapie Innovative dell’Istituto Ortopedico Rizzoli. Ciò consente di coordinare nel modo più efficiente possibile le cure durante tutte le fasi del trattamento dei pazienti affetti da sarcoma.

La Clinica III collabora con la struttura complessa Malattie Rare Scheletriche dell’Istituto Ortopedico Rizzoli che fa parte del progetto regionale Hub & Spoke sulla diagnosi ed il trattamento delle malattie scheletriche rare (Malattia Esostosante ed altre condrodisplasie).

La Clinica III svolge anche un'attività chirurgica di Day Surgery prevalentemente rivolta a patologie meniscali, tumori benigni di mano e piede, lesioni pseudotumorali infantili.

Viene svolta un'attività di consulenza per patologia tumorale dell'apparato locomotore in ambito nazionale e internazionale per via telematica.

Complessivamente vengono trattati mediamente circa 1.000 nuovi casi all'anno di pazienti affetti da patologie dell’apparato muscolo-scheletrico.

Nell’ambito del trattamento delle metastasi ossee partecipiamo a un percorso clinico assistenziale interaziendale di Bologna e provincia sulla presa in carico multidisciplinare di pazienti con metastasi muscolo-scheletriche e collaboriamo a uno studio nazionale multicentrico prospettico sulle metastasi ossee trattate chirurgicamente (Progetto Sofia).

Assistenza

Il percorso di cura inizia con la presa in carico del paziente e della sua famiglia con la prima visita presso i nostri ambulatori, prosegue in caso di necessità di trattamento chirurgico con la pianificazione di una dimissione protetta in quanto al paziente oncologico deve essere garantita  la  continuità assistenziale. La continuità viene garantita dall’intera equipe assistenziale:

  • Medici Ortopedici
  • Infermieri
  • Personale di supporto
  • Fisioterapisti
  • Medici fisiatri
  • Assistente sociale
  • Psicologa
  • Medici specializzati in terapia del dolore

I professionisti vengono coinvolti nel percorso di cura attraverso meccanismi operativi ormai consolidati in base alla valutazione dei bisogni clinico-assistenziali da parte della équipe. L’infermiere ed il medico deputati all’accoglienza del paziente in reparto il giorno del ricovero, attraverso un’accurata intervista saranno in grado di: rilevare i bisogni socio-assistenziali, completare se necessario l’esecuzione di ulteriori esami diagnostici se richiesti, pianificare  l’erogazione delle cure, per tutta la degenza con particolare attenzione alla dimissione.

Particolare attenzione viene prestata al controllo del dolore. Durante tutta la degenza gli infermieri ed un medico specialista effettueranno sistematicamente il monitoraggio del dolore e l’eventuale adeguamento della terapia antalgica.

La dimissione viene pensata e preparata da tutta l’equipe assistenziale, ove necessaria richiediamo la presenza dell’assistente sociale al fine di garantire la continuità delle cure. L’ assistente sociale, l’infermiere ed il medico di reparto attivano la rete socio-assistenziale del territorio, quando la rete familiare sia impossibilitata a farsi carico del congiunto.

La coordinatrice infermieristica della Clinica III, Daniela Di Nicolantonio, con alcuni componenti dello staffa Clinica III

Attività di ricerca

Il personale della Clinica III partecipa attivamente a progetti di ricerca sia nazionali che internazionali finalizzati al miglioramento della diagnosi e delle cure dei pazienti affetti da sarcoma. L’ attività di ricerca clinica è supportata da personale dedicato presso Ufficio Studi Clinici.

L'attività di ricerca clinica si svolge secondo le seguenti linee di ricerca dipartimentale:

  • utilizzo di protesi modulari da resezione in chirurgia oncologica ortopedica;
  • trapianto di perone vascolarizzato ed innesti ossei nelle ricostruzioni dello scheletro;
  • studio dei sarcomi delle pelvi e loro trattamento;
  • metastasi ossee da carcinoma: fattori prognostici e terapeutici;
  • chirurgia dei sarcomi delle parti molli;
  • infezioni nelle grandi ricostruzioni articolari;
  • identificazione del potenziale di trasformazione maligna delle condrodisplasie di interesse oncologico (Morbo di Ollier, Sindrome di Maffucci, etc);
  • valutazione delle tecniche di termoablazione con radiofrequenza sotto guida T.C. dei tumori dell’osso;
  • trattamento dei tumori benigni dell’apparato muscolo-scheletrico;
  • studio sulla Comparazione dell’imaging con la Risonanza Magnetica Dinamica e della lettura istologica della necrosi dopo chemioterapia e/o radioterapia negli osteosarcomi e nei sarcomi di Ewing, oltre che in alcuni sarcomi delle parti molli.

Presso la Clinica Ortopedica e Traumatologica III a prevalente indirizzo Oncologico sono attualmente in corso i seguenti progetti riguardanti la qualificazione dell'attività assistenziale e la qualità della vita in reparto:

  • Progetto formazione interattivo per personale infermieristico interno. La finalità di tale progetto è quella di promuovere e migliorare specifiche abilità comunicative del gruppo degli infermieri professionali attraverso una metodologia attiva e interdisciplinare apprendendo una metodologia di lavoro e la capacità di leggere le fasi dinamiche di un colloquio d'aiuto e di un gruppo di lavoro (riunione) utilizzando la scheda-guida preparatoria di analisi e scelta dei contenuti, e di individuazione degli obiettivi prefissati (decisioni e definizione delle responsabilità individuali e di gruppo, analisi e gestione di un conflitto, negoziazione). Tutto ciò permette di individuare alcuni parametri di valutazione garantendo una migliore qualità del 'servizio sanitario' erogato.
  • Progetto interno di riorganizzazione basato sulla valutazione della complessità assistenziale. Il progetto prevede l'inserimento della figura del 'Case Manager' con la finalità di facilitare il percorso di dimissione e l'assistenza extraospedaliera di pazienti ad elevata complessità assistenziale domiciliare.

Progetto scuola-ospedale

Presso il reparto è attivo un progetto scuola-ospedale, volto a garantire ai ragazzi ricoverati la possibilità di proseguire l'attività scolastica.

Strutture semplici

Allegati

Documenti e video sul reparto / servizio

Documenti e video sul laboratorio

Staff

Contatti e ubicazione

Contatti

Per informazioni su lista di attesa e ricovero contattare il numero verde 800 298 009 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 14.00.

 

Assistente del Prof. Davide Maria Donati

D.ssa Patrizia Vergni tel.051-6366012

fax 051-4689930

 

I pazienti che intendono comunicare con il prof. Donati possono scrivere a  pazienti.donati@ior.it

 

Per altre informazioni consultare le altre sezioni del sito web o contattare l'URP

Ubicazione

Istituto Ortopedico Rizzoli
via G.C.Pupilli, 1
40136 Bologna
(4° piano ala nuova)

Ambulatori SSN
Ambulatori SSN Clinica Ortopedica e Traumatologica III a prevalente indirizzo Oncologico

Poliambulatorio Rizzoli, via di Barbiano 1/13 - 40136 Bologna

La struttura svolge attività di ambulatorio in regime di Servizio Sanitario Nazionale (SSN) presso il Poliambulatorio dell’Istituto, in via di Barbiano 1/13. Per la prenotazione di visite specialistiche ortopediche è a disposizione un apposito numero verde.

Per prenotare
Info prenotazione

Malattie e trattamenti

trattamento
Chirurgia computer assistita e protesi 3D nella chirurgia dei sarcomi dell’osso

(scheda curata da Dr. Tommaso Frisoni, Prof. Davide Maria Donati, Dr. Massimiliano De Paolis)

Leggi tutto
malattia
Osteosarcoma

(scheda curata dal Gruppo oncologico IOR)

Leggi tutto
malattia
Sarcoma di Ewing

(scheda curata dal Gruppo oncologico IOR)

Leggi tutto
malattia
Sarcomi dei tessuti molli

(scheda curata dal Gruppo oncologico IOR)

Leggi tutto
malattia
Sarcomi ossei ultra-rari

(scheda curata dal Gruppo oncologico IOR)

Leggi tutto
malattia
Sarcomi ultra-rari dei tessuti molli

(scheda curata dal Gruppo oncologico IOR)

Leggi tutto

Studi Clinici

Professionisti della struttura sono Principal Investigator dei seguenti studi clinici.

Studi clinici
Valutazione dell’accuratezza della navigazione chirurgica in pazienti affetti da neoplasie scheletriche: studio osservazionale retrospettivo e prospettico
Leggi tutto
Studi clinici
Trattamento chirurgico della cisti ossea aneurismatica: confronto fra curattage ed embolizzazione arteriosa mediante revisione della casistica dell’ Istituto Ortopedico Rizzoli
Leggi tutto

Brevetti

Brevetti del personale dell'unità operativa.

Brevetto
Osso Demineralizzato, suoi usi e procedimento per il suo ottenimento
Un nuovo metodo per produrre Matrice Ossea Demineralizzata (DBM) da osso ovino, innesto utilizzato per indurre la rigenerazione ossea, con qualità potenzialmente superiori a quelle oggi disponibili, sia perché la nuova procedura permette una rimozione praticamente integrale della componente minerale, sia perché i tempi di suddetta rimozione sono molto brevi, dunque poco dannosi nei confronti della componente biologicamente attiva dell’osso trattato. Inoltre si è dimostrato che l’adesione delle cellule mesenchimali staminali alle particelle di DBM dipende dalle dimensioni di quest’ultime e, sulla base di questo dato, è stata individuata la dimensione ottimale delle particelle e definita la tecnica più opportuna per isolarle sulla base della loro granulometria.
Leggi tutto

Eventi Formativi

Personale della struttura ha promosso i seguenti eventi formativi.

Custom solutions for severe bone and joint defects (CSBJD)
Custom solutions for severe bone and joint defects (CSBJD)
da  
a  
Venerdì - 28 Ottobre 2022
Leggi tutto
Locandina XXXIII Course (particolare)
XXXIII Course on Musculoskeletal Pathology
Hot topics in musculoskeletal tumor treatment
da  
Lunedì - 23 Maggio 2022
a  
Giovedì - 26 Maggio 2022
Leggi tutto
Locandina SBJD 2021 (dettaglio)
Custom Solutions for severe bone and joint defects
For orthopaedic surgeons interested to complex reconstructions related to wide bone and soft tissue deficiencies
da  
a  
Leggi tutto